News

Data: 12 Giu 2017

Le ferie residue maturate nell’anno 2015 hanno i giorni contati. Controllate la situazione dei vostri dipendenti:  ricordo che nell’anno 2015 dovevano essere godute due settimane di ferie (su quattro settimane di ferie da maturare) e queste due settimane dovevano essere di competenza anno 2015. Le altre due settimane vanno fruite entro il 30/06/2017 per non incorrere in sanzioni per il datore di lavoro (amministrative da € 100 a € 600 per ciascun lavoratore).

La legge prevede la maturazione minima di 4 settimane di ferie annue. Se la contrattazione collettiva nazionale o aziendale prevede la maturazione di periodi aggiuntivi, questi sono gli unici che possono essere monetizzati. Le 4 settimane legali sono da godere in corso del rapporto di lavoro con le scadenze sopra ricordate e si possono monetizzare (se residue) unicamente alla cessazione del rapporto di lavoro.

In ogni caso, oltre alle sanzioni amministrative per il datore di lavoro, il datore di lavoro e il lavoratore sono tenuti alla contribuzione su tutte le ferie arretrate relative al 2015 e ancora risultanti al 30 giugno 2017 nel periodo paga relativo al mese di luglio 2017.

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on VK